Aree verdi e sistemi naturali
Mobilità sostenibile
Sviluppo urbano sostenibile
Risorse idriche
Rifiuti
Energia
Informazione e partecipazione
Inquinamento acustico ed elettromagnetico

Contabilità Ambientale

Strumento di sostenibilità

 

Software Contabilità Ambientale LEAF
Software Contabilità Ambientale


La contabilità ambientale
  Cos'è la contabilità ambientale
  Contesto nazionale
  Contesto internazionale
  Metodo CLEAR
  Proposte di legge
       
Sviluppo sostenibile
  Buone pratiche ambientali
  Strumenti di sostenibilità per le p.a.
    Agenda 21
    Acquisti verdi (GPP)
    EMAS
    ISO 14001
    Ecolabel
    VIA
    VAS
    Valutazione di incidenza
   
Aree tematiche
  Aree verdi e sistemi naturali
    Strumenti per la conservazione
   della natura
  Mobilità sostenibile
  Sviluppo urbano sostenibile
  Risorse idriche
  Rifiuti
  Energia
  Informazione e partecipazione
  Inquinamento acustico ed elettromagnetico
  Turismo sostenibile
 
Utilità
  Glossario
       
News Ambiente
  Aree verdi e sistemi naturali
  Cambiamenti climatici
  Energia
  Informazione e partecipazione
  Inquinamento acustico ed elettromagnetico
  Mobilità sostenibile
  Rifiuti
  Risorse idriche
  Sviluppo urbano sostenibile
  Turismo sostenibile

Direttive habitat e uccelli

 

L’Unione europea è intervenuta a tutelare la salvaguardia della biodiversità con due importanti direttive: la direttiva Uccelli 79/409/CEE e la direttiva Habitat 92/43/CEE.
La direttiva Uccelli ha come oggetto la conservazione degli uccelli selvatici (inclusi uova e nidi) e i loro ambienti naturali. A tal scopo agli Stati Membri è richiesto un impegno a preservare o ripristinare i biotipi e gli habitat di questi uccelli, attraverso l’istituzione di zone di protezione speciale (ZPS), il mantenimento degli habitat e il ripristino delle specie distrutte.
La successiva direttiva Habitat rappresenta la risposta comunitaria ai temi della Conferenza di Rio e all’impegno assunto in tale sede da tutti gli Stati Membri a perseguire la conservazione degli ecosistemi e degli habitat naturali. La direttiva 92/43/CEE introduce infatti il concetto di salvaguardia della biodiversità attraverso la conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche. Questo intervento normativa completa pertanto la direttiva Uccelli, riferita alle sole specie di volatili selvatici, in considerazione della necessità di istituire un sistema generale di protezione di alcune specie di fauna e flora.
Interessante sottolineare la scelta di conservare gli habitat seminaturali, con la quale la Comunità Europea riconosce il valore di aree caratterizzate da attività agricola tradizionale, dove la presenza dell’uomo ha contribuito a stabilire nel tempo un equilibrio ecologico. L’intento è quello di favorire, per queste aree, uno sviluppo sostenibile, attuato attraverso l’integrazione della gestione delle risorse naturali con le esigenze delle realtà socio economiche locali.
Con la direttiva Habitat sono stati definiti per tutta l’Unione europea misure e strumenti di controllo per la conservazione degli habitat e delle specie indicati nella direttiva stessa di interesse comunitario.
L’azione più importante è la costituzione di Natura 2000, la rete ecologica europea di zone speciali di conservazione, in cui sono si trovano i migliori esempi di habitat naturali europei e gli habitat di alcune specie minacciate o in pericolo.
La direttiva richiede agli stati Membri di adottare i provvedimenti necessari ad istituire un regime di rigorosa tutela per le specie riconosciute maggiormente in pericolo (allegato IV).

La tutela delle specie faunistiche indicate nell’allegato IV si deve realizzare facendo rispettare il divieto di :

  • catturare o uccidere deliberatamente di individui di tali specie;

  • perturbare deliberatamente tali specie;

  • distruggere o raccogliere le uova nel loro ambiente naturale;

  • deteriorare o distruggere i siti di riproduzione o le aree di riposo.

Per conservare le specie vegetali riportate nell’allegato IV gli Stati europei sono tenuti a imporre il divieto di:

  • raccogliere, tagliare, estirpare, distruggere deliberatamente esemplari di tali specie;

  • possedere, trasportare, commercializzare, scambiare, vendere esemplari delle suddette specie, raccolti nel loro ambiente naturale.

Infine la direttiva habitat richiede che siano promosse le attività di ricerca utili a favorire la conservazione della biodiversità, promuovendo, in particolare, collaborazioni tra diversi Stati.

Torna a "Strumenti per la conservazione della natura"

 
 

Contabilità ambientale - P.I. 01715690564 - Privacy

Infosoft