Aree verdi e sistemi naturali
Mobilità sostenibile
Sviluppo urbano sostenibile
Risorse idriche
Rifiuti
Energia
Informazione e partecipazione
Inquinamento acustico ed elettromagnetico

Contabilità Ambientale

Strumento di sostenibilità

 

Software Contabilità Ambientale LEAF
Software Contabilità Ambientale


La contabilità ambientale
  Cos'è la contabilità ambientale
  Contesto nazionale
  Contesto internazionale
  Metodo CLEAR
  Proposte di legge
       
Sviluppo sostenibile
  Buone pratiche ambientali
  Strumenti di sostenibilità per le p.a.
    Agenda 21
    Acquisti verdi (GPP)
    EMAS
    ISO 14001
    Ecolabel
    VIA
    VAS
    Valutazione di incidenza
   
Aree tematiche
  Aree verdi e sistemi naturali
    Strumenti per la conservazione
   della natura
  Mobilità sostenibile
  Sviluppo urbano sostenibile
  Risorse idriche
  Rifiuti
  Energia
  Informazione e partecipazione
  Inquinamento acustico ed elettromagnetico
  Turismo sostenibile
 
Utilità
  Glossario
       
News Ambiente
  Aree verdi e sistemi naturali
  Cambiamenti climatici
  Energia
  Informazione e partecipazione
  Inquinamento acustico ed elettromagnetico
  Mobilità sostenibile
  Rifiuti
  Risorse idriche
  Sviluppo urbano sostenibile
  Turismo sostenibile

Rete Natura 2000

 

Natura 2000 è la rete ecologica europea di zone speciali di conservazione, nata con l’art. 3 della direttiva habitat allo scopo di mantenere o ripristinare in uno stato di conservazione soddisfacente gli habitat naturali e gli habitat delle specie di interesse comunitario. Questa rete attualmente è formata dalle Zone di Protezione Speciale individuate ai sensi della direttiva Uccelli e dai Siti di Importanza Comunitaria proposti (pSIC) alla Commissione Europea dagli Stati Membri e che, al termine dell’iter istitutivo, saranno designati come Zone Speciali di Conservazione.
I SIC sono i siti in cui si trovano gli habitat naturali di interesse comunitario (allegato I) e gli habitat delle specie di interesse comunitario (allegato I).
Sono definiti habitat naturali di interesse comunitario gli habitat che presentano almeno una di queste caratteristiche:

  • rischiano di scomparire nella loro area di distribuzione naturale;
  • presentano un’area di distribuzione di per sé ridotta o che nel tempo è stata soggetta a regressione;
  • rappresentano esempi tipici di una o più delle regioni biogeografiche seguenti: alpina, atlantica, boreale, continentale, macaronesica e mediterranea.

Tra questi vengono definiti prioritari (contrassegnati con un asterisco (*) nell’allegato I della direttiva) quelli che rischiano di scomparire e per la cui conservazione la Comunità ha una responsabilità particolare a causa della loro area di distribuzione ricadente nel territorio della Comunità stessa.
Sono considerate invece specie di interesse comunitario le specie che all’interno del territorio della Comunità europea:

  • sono in pericolo;
  • sono vulnerabili, vale a dire che probabilmente, in un prossimo futuro, diventeranno specie in pericolo;
  • sono rare, ossia con popolazioni sono di dimensioni ridotte e che rischiano di diventare specie vulnerabili;
  • sono endemiche e richiedono attenzione particolare per la specificità dei loro habitat e/o per i potenziali effetti negativi sulla loro conservazione legati ad un loro sfruttamento.

Anche in questo caso sono individuate, con gli stessi criteri adottati per gli habitat, le specie prioritarie, contrassegnate con un asterisco (*) nell’allegato II.
Nel complesso Rete Natura 2000 deve proteggere 181 specie di uccelli elencati nella direttiva Uccelli e circa 200 tipi di habitat, 200 specie animali e 500 specie vegetali riportati nella direttiva habitat.
Per perseguire questo obiettivo, gli Stati Membri sono chiamati a stabilire linee di sviluppo per i territori dei SIC e ZPS, compatibili con la conservazione della natura, e a predisporre piani di gestione per stabilire le misure di tutela nel rispetto delle esigenze economiche, sociali e culturali delle popolazioni che vivono al loro interno.
Per qualsiasi piano o progetto, non direttamente connesso e necessario alla gestione del sito, ma che possa avere incidenze significative su tale sito, è richiesta una opportuna valutazione dell’incidenza che esso ha sul sito, allo scopo di garantire che non sia pregiudicata in nessun modo l’integrità del sito interessato.

Torna a "Strumenti per la conservazione della natura"

 
 

Contabilità ambientale - P.I. 01715690564 - Privacy

Infosoft